About us

Forni Visciano si occupa della costruzione di forni napoletani professionali a legna ed a gas costruiti sul posto o mobili per la cottura tradizionale della pizza napoletana.
Forni napoletani per uso domestico con misure ridotte in base all'esigenza del cliente, diametro minimo interno 80mm.
Le conoscenze acquisite negli anni e la nostra esperienza ci permettono di ottenere dei forni napoletani che soddisfano agli standard qualitativi per la cottura della vera pizza napoletana:

  • Temperatura della volta: 430 °C circa
  • Temperatura raggiunta dalla pasta: 60-65 °C
  • Temperatura raggiunta dal pomodoro: 75-80 °C
  • Temperatura raggiunta dall'olio: 75-85 °C
  • Temperatura raggiunta dalla mozzarella: 65-70 °C
  • gas oven forni visciano realizzazione forni mobili pizzeria napoli a legna giugliano calvizzano

    Tradizione Napoletana

    "Come da antica tradizione napoletana i nostri forni sono costruiti in modo totalmente artigianale senza l'ausilio di componenti precostruiti e con i materiali delle nostre terre."

    La popolarità della Pizza

    La pizza a Napoli fu popolarissima sia presso i napoletani più poveri che presso i nobili, compresi i sovrani borbonici.
    Il successo della pizza conquistò anche i sovrani di Casa Savoia, tanto che proprio alla regina Margherita di Savoia nel 1889 il pizzaiolo Raffaele Esposito dedicò la "Pizza Margherita", che rappresentava il nuovo vessillo tricolore con il bianco della mozzarella, il rosso del pomodoro ed il verde del basilico.
    Sin da allora la Pizza divenne un'attrazione turistica, portando i visitatori a scoprire le zone più povere della città per provare le specialità locali.

    neapolitan fixed oven forni visciano realizzazione forni mobili pizzeria napoli a legna giugliano calvizzano
    forni tradizionali napoletani forni visciano realizzazione forni mobili pizzeria napoli a legna giugliano calvizzano

    Un pò di storia...

    Napoli è una delle città più antiche dell’Occidente e vanta tradizioni mitologiche e leggende sulla sua origine ma protagonista di tutte le leggende sulla fondazione di Napoli è sempre la mitica sirena Partenope che, caduta vittima dell’astuzia di Ulisse, abbandonò adirata il temibile scoglio delle sirene per giungere all’isolotto di Megaride, che accoglie l’attuale Borgo Marinaro, in via Partenope.